Menu

Mattinate FAI d’inverno a San Giorgio Morgeto

Novembre 15, 2019 - tuttifrutti, Viaggi
Mattinate FAI d’inverno a San Giorgio Morgeto

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta la VIII edizione delle MATTINATE FAI D’INVERNO
Visite esclusive per le scuole a cura degli Apprendisti Ciceroni del FAI

da lunedì 25 novembre a sabato 30 novembre 2019

IN CALABRIA

SAN GIORGIO MORGETO (RC)

Convento dei Domenicani
Il Convento dei Domenicani è tra i più grandi della Calabria, con i suoi grandiosi corpi di fabbrica degni di una grande città. Per volere di Battista Caracciolo, conte di Gerace e signore di San Giorgio, fu completato nel 1473 annesso alla chiesa di Santa Maria Annunziata – edificata dal fratello Giovanni Caracciolo nel 1393 – e nello stesso anno papa Sisto IV concesse la Bolla Pontificia per l’apertura del Convento dei Domenicani. Importante centro di cultura e scuola per i novizi, tra le sue mura vissero Fra Tommaso Campanella, il Santo Vescovo Piromalli e il Vescovo di Gerace Domenico Diez de Aux. Dopo l’Unità d’Italia il convento venne incamerato dallo Stato e consegnato al Comune di San Giorgio Morgeto, che in seguito concesse i locali ai frati Domenicani. Purtroppo parte dell’edificio crollò nel terremoto del 1783.

Castello Angioino Normanno
Il castello, del quale rimane un possente mastio, era collocato in posizione predominante in cima alla città. Si hanno notizie storiche della sua esistenza fin dal 1269 da fonti documentali del periodo angioino. Il sistema difensivo è costituito da una cinta muraria, con porte d’accesso e torri circolari, i cui imponenti resti svettano sulla cima del colle. A varie quote, sono presenti ambienti di forme e funzioni diverse; sono riconoscibili due livelli, ognuno composto da tre ambienti, ma presumibilmente era presente anche un terzo piano, mentre al culmine del complesso, sopra uno sperone di roccia granitica, insiste il corpo centrale del mastio con funzioni difensive e residenziali. L’analisi delle strutture ha evidenziato diverse fasi costruttive e ristrutturazioni nel corso delle quali fu costruita anche una cisterna.