Menu

Privacy, il GDPR un anno dopo

Luglio 15, 2019 - tuttifrutti
Privacy, il GDPR un anno dopo

Privacy, Il GDPR un anno dopo l’entrata in vigore del Regolamento europeo.

25 Maggio 2018, è passato più di un anno dall’entrata in vigore della Legge europea sulla privacy, in questi mesi abbiamo visto di tutto; imprese spedire milioni di mail per ottenere autorizzazioni, tonnellate di carta consumate da studi professionali di consulenza con modelli da far firmare a chiunque, amministratori di condominio con nomine a DPO al giardiniere di fiducia.

La privacy nelle PMI è ancora lontana dall’essere attuata.

La principale colpa di questa situazione è delle associazioni di categoria e ordini professionali che invece di avviare dei protocolli di informazione hanno pensato sia più semplice far acquistare dei software ai loro iscritti. La privacy nelle PMI è ancora lontana dall’essere attuata, alcune categorie di imprese devono essere informate che necessita all’interno della loro organizzazione la figura del DPO. Gli estetisti, i massofisioterapisti, gli ottici, le agenzie di marketing e comunicazione, i baby parking hanno necessità di designare il DPO/Responsabile del trattamento dei dati, figura professionale.

Sul lato delle sanzioni è da considerare che il GDPR va redatto con data certa, molti hanno tergiversato, atteso proroghe, ascoltato consulenti fiscali e altri soggetti che asserivano ed invitavano alla calma poiché non ci sarebbe stato alcun dato di fatto e controllo sul GDPR. Ad oggi ogni PMI che non ha redatto entro il 25 maggio 2018 è soggetta a sanzione.

Privacy, il GDPR un anno dopo, info e consulenza Istituto Jager – tel 3348002030 http://www.pacchettoigiene.it/jager/tutela-dei-dati-personali-privacy/