Menu

Terriccio per le piante

luglio 6, 2018 - natura, scienza
Terriccio per le piante

Il terriccio per le piante di solito è generalizzato. Ci sono le differenze evidenti di etichetta, tipo addizionato, provenienza o che sia di marca conosciuta o no. In verità, il terriccio per le piante nella maggioranza dei casi è la prima causa di moria delle piante.

Le piante in vaso ed il terriccio

Si utilizza il terriccio nelle piante in caso di nuova dimora, è una operazione che fa il coltivatore quando la pianta da vendere ha raggiunto le giuste dimensioni per essere immessa nel mercato. Pianta che si presenta bella e vigorosa, in un bel terricci morbido e profumato, peccato che inadatto. Si perché una volta a casa, e dopo le attenzioni iniziali, la pianta tende a non sopravvivere per due motivi fondamentali;

il primo: il terriccio tende ad asciugarsi facilmente e velocemente, causando una atrofizzazione delle radici, quelle fine di assorbimento

Il secondo: terreno poco compatto e radici che si distanziano dalla torba

Ma è utile il terriccio?

Tenendo conto delle informazioni acquisite, il terriccio per le piante andrebbe spesso riequilibrato con terreno normale, o spesso anche sabbia inerte, a secondo del tipo di pianta che stiamo coltivando, per compattare e tenere di più l’umidità.

Prima di avviare la coltivazione scegliere il terriccio più idoneo.

Le piante acidofile, tipo azalee, gardenie e ortensie, necessitano di un terriccio acido.
Le piante grasse necessitano del terriccio comune, quello che si trova facilmente, molto drenante e leggero.
Per le orchidee, ricercate il suo quello specifico, con tozzi di legno e corteccia.

Le piante coltivate in vaso richiedono una operazione di rinvaso e sostituzione del terreno periodico, tenete conto di quanto predetto e della necessità di uno strato di fondo di argilla espansa, necessita di drenare l’acqua in eccesso e impedire il marciume radicale.

Il terriccio per le piante non è mai unico, spesso quello che si ha a disposizione risulta inadatto alla pianta che volete coltivare, basta un poco di attenzione per fare anche del vostro pollice, un pollice verde.