Menu

Viaggio a Bali

ottobre 7, 2017 - natura, tuttifrutti
Viaggio a Bali

Viaggio a Bali.

Fino a qualche anno fa a Bali la parola italiana più conosciuta era bancarotta fraudolenta, non so se si erano organizzati per prenderci in giro, a noi italiani… Ma tutto avveniva ed avviene tuttora con sorrisi ed ospitalità.

Bali, IndonesiaCambiano quindi solo le parole con le quali cercano il primo accenno di comunicazione, e poi della bancarotta a pensarci bene in qualche modo a noi italiani ci appartiene. Superato questi istanti di benvenuto, a Bali l’isola dei colori ci si arriva dopo circa 20 ore di viaggio, cambiando almeno tre aerei. Lo scalo di Dempasar brulica di gente, come anche le macchine in circolazione nell’isola, impressionante la quantità e la qualità degli automezzi e ciclomotori in circolazione, tutta l’isola sembra un formicaio in piena attività.

La nostra meta principale di questo viaggio a Bali, sono le spiagge, nell’isola degli dei, così viene chiamata Bali, la natura è prorompente, e dal tratto aeroporto – Kuta Beach dove alloggeremo, abbiamo avuto modo di scorgere le immense risaie per il nasi goreng, la sommità del Kintamani un enorme vulcano, mercati e centri archeologici sparsi di qua e di la, che si confondono con le architetture attuali, gli spazi religiosi. Bali è un’isola in cui si pratica la religione induista, il resto della nazione indonesiana è in maggioranza musulmana.

Bali è un’isola affascinante, milioni di turisti la visitano ogni anno, rimani incantato dalla bellezza naturale, dalla gente estremamente altruista, tra i tanti balinesi trovi sempre qualche italiano che un poco per la magia del posto e anche per le prospettive di lavoro (ristorazione) è la persona che a fine vacanza ti salva la vita con una serata dove condividere le esperienze, il vino e qualche pietanza italiana di cui ti rendi conto della mancanza.

Orangina, spicchi d’Italia in siti tematici… vero, ma ogni tanto è bene dare uno sguardo fuori dalla nostra Italia.